Licenziati 12 operai dell’azienda Teseo information service

A causa del mancato rinnovo del contratto con la ITC del gruppo Ast

 

Il mancato rinnovo dell’appalto Itc (Information technology) con l’Ast di Terni sarebbe la motivazione del licenziamento di 12 imoiegati nell’azienda Teseo.

Le sigle sindacali unite, Fim-Cisl e Fiom-Cgil di Terni, hanno annunciato con un comunicato stampa che dal primo febbraio 2023, data in cui si concluderà l’appalto con le acciaierie, non potranno più recarsi in azienda.

Le segreterie di Fim-Cisl e Fiom-Cgil si sono attivate a tutela dei lavoratori, ma anche anche per capire come si riorganizzerà l’intera futura attività della Itc, che coinvolge nel sistema produrtivo non soltanto la ditta Teseo. In tal senso sono state già inviate alla direzione aziendale di Ast le richieste di incontro.

I sindacati nella nota stampa denunciano “Dopo le ripetute denunce fatte dalle organizzazioni sindacali in questo ultimo periodo rispetto al mondo degli appalti nel sito Ast,  ci troviamo di fronte all’ennesima dimostrazione che i lavoratori dell’indotto stanno pagando più di tutti l’incertezza relativa al futuro del sito nel suo complesso”.