Home Cronaca Gualdo Tadino, era ubriaco il conducente dell’auto travolta dal treno al passaggio...

Gualdo Tadino, era ubriaco il conducente dell’auto travolta dal treno al passaggio a livello

0

L’incidente a Rigali, il conducente della Fiat Panda estratto dall’auto dai vigili del fuoco e portato in ospedale è risultato positivo all’alcol test

Sfiorata la tragedia nella notte fra sabato e domenica in un incidente ferroviario avvenuto  nei pressi della frazione di Rigali di Gualdo Tadino. Secondo quanto riferito dai vigili del fuoco, intervenuti sul posto con la squadra del distaccamento di Gaifana, una Fiat Panda si è scontrata con un treno in transito all’altezza di un passaggio a livello.
Il macchinista del convoglio non ha fatto in tempo a frenare e il regionale diretto a Foligno ha investito l’utilitaria lungo i binari.
Alla guida dell’auto si trovava un 58enne che a quanto sembra dalla ricostruzione dei fatti aveva pensato di poter attraversare il passaggio a livello nonostante i segnali di avviso dell’avvicinarsi del convoglio, che invece è sopraggiunto proprio in quel momento e ha colpito la parte posteriore dell’auto. Il conducente della vettura è stato soccorso dagli operatori del 118 e trasportato all’ospedale Usl1 di Branca: non sarebbe in pericolo di vita, ma i successivi accertamenti hanno fatto emergere la positività all’alcol test.
Una situazione e una condizione che adesso può costare al 58enne una multa e la sospensione della patente, proprio perché guidava in stato di ebbrezza e per aver infranto le norme dell’articolo 147 del codice della strada che regola il comportamento ai passaggi a livello.

Sul posto anche i carabinieri di Gubbio, i tecnici di Ferrovie e il 118 che ha portato all’ospedale di Branca in codice arancione il conducente dell’utilitaria che per fortuna non sarebbe in pericolo di vita.

Articolo precedenteFesta di Santa Barnaba, tempo di bilanci anche per i Vigili del Fuoco di Perugia: 16mila interventi nel 2023
Articolo successivoSi è spento a 92 anni l’avvocato penalista folignate Stefano Manicacci, ex deputato dell’Msi