Corciano, tre minorenni finiscono in manette dopo l’aggressione a un ragazzo di 19 anni

I fatti risalgono allo scorso mese di febbraio in un noto centro commerciale di Perugia

Tre minorenni di origine albanese son finiti in manette in seguito all’aggressione ai danni di un diciannovenne marocchino, avvenuta in un centro commerciale di Corciano.

I fatti risalgono allo scorso mese di febbraio,quando la vittima, a seguito di una banale lite intercorsa per futili motivi è stata aggredita dai medesimi con calci e pugni, anche dopo essere finita a terra, riportando gravi lesioni al volto, tra cui fratture, con una prognosi complessiva di cinquantuno giorni. Nella circostanza, il giovane è stato soccorso da personale del “118” e trasportato presso l’ospedale “Santa Maria della Misericordia” per gli accertamenti clinici e le prime cure necessarie.

Le immediate indagini svolte dai Carabinieri, intervenuti sul posto a seguito dell’evento criminoso, indirizzate anche dalle dichiarazioni dei numerosi testimoni presenti, dai riconoscimenti fotografici e dall’analisi delle immagini registrate dal sistema di videosorveglianza, di cui il Centro Commerciale è dotato, hanno consentito di identificare gli autori del violento pestaggio, evento che ha determinato forte preoccupazione collettiva.

Peraltro, gli stessi giovani, nel corso dei mesi, avevano costituito una sorta di baby gang, i cui atti vandalici e comportamenti violenti avevano spesso generato timore negli avventori del centro commerciale e dell’intera zona.

I giovani, espletate le formalità di rito, sono stati accompagnati presso comunità educative dislocate nel centro Italia, dove permarranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria alla quale dovranno rispondere per le gravi accuse formulate.