Home Cronaca Al mare invece che ad assistere il padre disabile: a giudizio dipendente...

Al mare invece che ad assistere il padre disabile: a giudizio dipendente regionale per truffa della 104

0

La Finanza scopre che la donna si divideva tra Castiglione della Pescaia e Sirolo. In autunno giornate trascorse in Val d’Orcia

Asentire l’accusa con cui è finita a giudizio la Dipendente della Regione, 61 anni, finita a giudizio in quanto le ha pensate tutte per gestire a piacimento le giornate non lavorative previste dalla legge 104 per assistere un famigliare malato. Le ha gestite talmente bene che mentre il papà faceva, a sua insaputa, da copertura, lei se ne andava al mare e ai monti. Mete vicine a Perugia (un’ora e mezza di auto in media), per carità, niente di esotico, magari sarà stata pure attenta a non usare i social in quei giorni.

La lista di giorni e località messe in fila dalla Finanza per inchiodarla all’accusa di truffa è lungo. E quelle località sono un bel book da agenzia di viaggio: Sirolo, Ancona, Numana, Castiglione della Pescaia (due volte), San Quirico d’Orcia e Radicofani(5 volte), Civitanova Marche e Porto Sant’Elpidio. Senza far torto a nessuno un po’ di Adriatico di livello, un po’ di Tirreno a cinque stelle e la Val D’Orcia nei periodi buoni in cui quella fetta di Toscana mette sul piatto le prelibatezze di inverno e autunno. Al mare non c’era possibilità di sbagliare: giugno, luglio e agosto.

Secondo la Guardia di Finanza che ha svolto le indagini e il Gup Piercarlo Frabotta che l’ha mandata a giudizio la donna «si procurava l’ingiusto profitto consistente nell’indennità corrispondente all’ultima retribuzione prevista percepita per giorni 88 dal 6 maggio 2019 al 17 dicembre in modalità frazionata, in mancanza di prestazione lavorativa, usufruendo illegittimamente del congedo….». E ancora: «Si è procurata l’ingiusto profitto consistente nella retribuzione per i giorni appresso indicati (l’elenco delle dodici volte in cui era in vacanza e non a casa, ndr) nei quali non si recava al lavoro usufruendo illegittimamente dei permessi di legge ed al contempo non prestava assistenza al genitore trovandosi in località di villeggiatura lontane dal luogo di residenza dello stesso…».

Luogo di residenza, secondo quando emerso dalle indagini, che era lo stesso della figlia, ma non era vero – secondo l’accusa (naturalmente tutta da dimostrare nel processo che inizierà giovedì).

Articolo precedenteFoligno, bloccati mentre tentano di rubare una bici elettrica
Articolo successivo“Il cannone sepolto”, il nuovo romanzo di Gian Filippo Della Croce