Home Perugia Due casi di bambini con polmonite da mycoplasma all’ospedale Santa Maria della...

Due casi di bambini con polmonite da mycoplasma all’ospedale Santa Maria della Misericordia

0

La notizia è stata confermata dal Prof Alberto Verotti

Il professor Alberto Verrotti, direttore della struttura complessa di clinica pediatrica dell’ospedale di Perugia, ha reso noto che sono stati curati due bambini affetti da polmonite da mycoplasma “un bambino è guarito ed è già tornato al proprio domicilio senza alcuna complicanza”.

“Il secondo è ancora sotto terapia antibiotica, già sfebbrato e sta avendo un decorso favorevole. In quest’ultimo caso – ha aggiunto – la causa reale della polmonite è stata l’infezione da streptococcus pyogenes e quella da mycoplasma pneumoniae è stata una semplice coincidenza temporale. Il mycoplasma pneumoniae è un batterio che causa comunemente infezione delle vie respiratorie nei bambini ad andamento favorevole perché risponde rapidamente alla terapia antibiotica”.

La professoressa Antonella Mencacci, direttrice della microbiologia dell’Azienda ospedaliera di Perugia, ha spiegato che il “mycoplasma pneumoniae è un batterio che viene comunemente identificato come causa di infezioni respiratorie dei bambini e dei giovani adulti. In meno del 10% dei casi può causare la cosiddetta polmonite atipica. Essendo un batterio è trattabile con gli antibiotici e le infezioni sono a prognosi favorevole. Si trasmette per via respiratoria soprattutto nei mesi freddi e causa epidemie più o meno vaste ogni quattro anni circa. Le infezioni da mycoplasma non sono attualmente soggette a notifica. I due casi di infezione diagnosticati negli ultimi dieci giorni nell’Azienda ospedaliera di Perugia sono stati segnalati all’Istituto superiore di sanità, nell’ambito delle normali attività di sorveglianza delle infezioni respiratorie, a fronte dell’attuale situazione epidemiologica in Cina e in alcuni Paesi Europei. E’ prevedibile che, come tutti gli anni, con l’arrivo della stagione invernale, ci sia un aumento delle malattie respiratorie virali e batteriche anche nel nostro Paese”

 

Articolo precedenteAll’Università per Stranieri incontro in ricordo di Silvia Rizzo, maestra di studi
Articolo successivoErmanno Trinchese lascia l’ospedale di Perugia