La Usl1 vende i suoi terreni a Gubbio

Andrea Casciari

La Usl Umbria 1 ha bandito la gara per la alienazione di trentacinque lotti di terreni di varie dimensioni ubicati nel territorio comunale eugubino il cui elenco è consultabile sul sito aziendale. Il valore complessivo, tenendo conto dei prezzi base fissati dal bando stesso, ammonta a 1.378.967 euro.
Ci sono pezzature di varie dimensioni; la più piccola vale milleottocento euro, mentre per la più onerosa occorrono 263.500 euro e si trova nel vocabolo Pontimazioni; a ridosso del centro storico, nella immediata periferia cittadina, spiccano i 196.700 euro necessari per mettere le mani ed operare un significativo investimento in località Botagnone.

Qualcosa di più si potrà sapere fin da domani, quando scade il termine per la presentazione delle offerte che vanno indirizzate a: Azienda Usl Umbria 1 via G. Guerra n. 21/17 – 06127 Perugia. Le buste, invece, verranno aperte in seduta pubblica negli uffici amministrativi dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino in località Branca il 19 aprile, con inizio alle ore 9,30 dalla Commissione di gara nominata dal direttore generale dottor Andrea Casciari.

 

Il ricavato verrà destinato per realizzare investimenti finalizzati al miglioramento della struttura ospedaliera e nell’acquisto di attrezzature destinate a garantire ulteriormente la qualità dei servizi. Nei suoi dieci anni di attività, come ricordato in occasione della cerimonia celebrativa, l’«ospedale di Branca», com’è comunemente definito, è cresciuto assai nella considerazione generale per il li-vello delle prestazioni, confermato per altro da riconoscimenti ufficiali. L’Agenas (A) ad esempio, nelle scorse settimane, ha segnala-to i dati molto positivi ed il livello di eccellenza del centro ictus dell’ ospedale sia di Gubbio che di Città di Castello, l’uno e l’altro si attestano al di sotto non solo della media nazionale, ma anche di quella regionale, con un dato cumulativo aggiustato del 5%. Entrambi sono diretti dal dottor Stefano Ricci.