In edicola il nuovo numero di Umbria Settegiorni

Dopo la pausa estiva riparte alla grande Umbria Settegiorni. È in tutte le edicole (con una maggiorazione di tiratura) la rivista che guarda al presente, ma anche al futuro, con una serie di articoli, di commenti, arricchiti da una nuova veste grafica curata dalla Globalcommunication.
Un nuovo progetto editoriale che offre ai lettori ampio spazio dedicato alle questioni nazionali e internazionali, con un’analisi approfondita sul fenomeno del boom demografico che rischia da qui a pochi decenni di “espolodere”, affiancata dalle parole di un esperto, che interviene sulla questione che preoccupa soprattutto le nuove generazioni, vale a dire il patologico cambiamento climatico.

Anche in questa pubblicazione vengono affrontati temi di forte interesse e attualità, con un’inchiesta dedicata al post terremoto, che, dando voce alla popolazione residente, mette in luce le carenze di una ricostruzione che tarda a venire nell’area interessata dal cratere nei Sibillini.

Da non perdere il servizio sulla scuola, con l’intervento di autorevoli esperti, che mette in rilievo i pregi e difetti di un sistema che da tempo richiede sostanziali interventi e radicali riforme.

In questo numero ampio spazio è dedicato alla politica, in vista delle Regionali del 27 ottobre, che dà voce ai protagonisti e che elenca in maniera chiara e completa i nomi di tutti i candidati.

Nell’inserto “Where”, dedicato alla cultura e all’arte, si parla di prime teatrali in programma sui palcoscenici umbri, e di opere pittoriche e scuoltoree che fanno parte della bella mostra di Desiderio allestita ad Amelia.

Un grazie a tutti, redazione, lettori e sponsor che hanno contribuito a realizzare il progetto editoriale, da parte dell’editore e direttore responsabile Luigi Piccolo.