Concorsopoli, il commissario straordinario azzera l’ufficio disciplinare dell’ospedale perugino

L’opinione pubblica vorrebbe chiarezza anche su assunzioni in Regione, Provincia e partecipate

Antonio Onnis

Antonio Onnis

(A.L.) Il commissario straordinario dell’ospedale di Perugia, Antonio Onnis, nominato dal Ministero dopo lo scoppio di Concorsopoli, si è messo al lavoro per dare piena funzionalità alla struttura del capoluogo e, per evitare ritardi nei pagamenti del personale e dei fornitori, ha provveduto a nominare un nuovo direttore amministrativo.

A cascata avverranno anche le altre nomine per poter ritornare alla normalità.

Con l’inizio della nuova settimana sarà nominato anche il nuovo direttore sanitario mentre poi verrà fatto il punto con i vari direttori delle strutture “anche per conoscere – ha dichiarato il Commissario – le diverse realtà e le difficoltà vissute, quali sono le aspettative e percepire i valori in campo per fare una foto accurata dell’Azienda”.

Ripristinata la piena funzionalità dell’ospedale perugino ci saranno altri incontri con i direttori delle due Usl e dell’Azienda ospedaliera di Terni.

Il rinnovamento riguarda anche l’ufficio disciplinare finito nell’occhio del ciclone per le vessazioni contro la professoressa Esposito, tutti suoi componenti sono stati sostituiti.

Aria nuova nella sanità umbra ma sono tanti altri i settori regionali da bonificare a cominciare dalla Regione, dalla Provincia e dalle partecipate perché lo scandalo attuale potrebbe riproporsi pari pari in altri settori pubblici.