Anche i suoi due cani a dare l’ultimo saluto all’amata Greta

Si sono svolti i funerali della piccola di tre anni vittima di una tragica fatalità

Foto tratta dal video di Giorgio Polli (Youtube)

Foto tratta dal video di Giorgio Polli (Youtube)

Si sono celebrati lunedì 18 maggio alle 10 i funerali della povera piccola Greta, la bimba di tre anni che lo scorso venerdì si è allontanata da casa nella frazione di Poggiarello, nel Folignate, intorno alle 13.30 ed è stata ritrovata cadavere alle 16.20 nell’acqua della piscina abbandonata di un ex agriturismo in località Pontecentesimo.

Secondo la ricostruzione dei fatti la piccola sarebbe stata ancora viva quando i suoi due cani labrador hanno tentato con le zampe di spingerla fino al bordo della piscina. Senza riuscirci e lasciando sul corpo della piccola alcuni graffi. Gli unici segni di violenza riscontrati sul cadavere.

L’allarme della scomparsa era stato lanciata dalla madre della piccola, alle 14.31, dopo le vane ricerche nella zona circostante all’abitazione della piccola anche da parte di amici e familiari.
Poi la drammatica scoperta.

Ieri i funerali nella chiesa di Maria SS. Assunta e poi presso il campo sportivo di Pieve Fanonica, con l’omelia del vescovo monsignor Gualtiero Sigismondi che ha detto: “Piccola Greta gioca con gli angeli in Paradiso; lasciati prendere in braccio dalla madre di Dio e trova il modo di accarezzare i tuoi genitori, di consolarli. Non ci sono parole capaci di consolare i genitori di Greta, Cristina e Ciprian. Le nostre voci non potrebbero mai lenire una ferita così grande, perché il dolore di una madre e di un padre è proporzionato all’amore con il quale si lega ai figli”.

Tanta gente a dare l’ultimo addio alla piccola Greta. E c’erano anche i suoi cani labrador, quelle generose bestie che hanno tentato invano fino all’ultimo di salvarla.